Come riconoscere il prediabete

Cosa significa prediabete?

Per definizione, il significato del termine “prediabete” corrisponde alla presenza di un’alterazione della concentrazione del glucosio nel sangue (glicemia) e, in particolare, al riscontro di valori al di sopra della soglia ritenuta normale (iperglicemia), ma non così elevati da poter emettere una diagnosi di diabete di tipo 2.

Tuttavia, in alcuni casi il prediabete può precedere la diagnosi di diabete di tipo 2 vero e proprio. Pur non essendo di per sé una malattia, il prediabete merita quindi molta attenzione e interventi mirati soprattutto sul fronte della dieta e delle abitudini di vita, per evitare che la situazione evolva in modo sfavorevole. 

In passato, il prediabete e il diabete di tipo 2 riguardavano pressoché esclusivamente la popolazione adulta, mentre negli ultimi due decenni queste condizioni si riscontrano sempre più spesso anche in bambini e adolescenti, generalmente in associazione a stati di sovrappeso e obesità.

Il prediabete può svilupparsi anche nella donna durante la gravidanza, condizione di per sé associata a una maggiore probabilità di iperglicemia e, in alcuni casi, all’insorgenza di un vero e proprio “diabete gestazionale”, che generalmente regredisce dopo la nascita del bambino. La presenza di sovrappeso o prediabete prima della gravidanza aumentano il rischio di sviluppare diabete gestazionale, mentre il riscontro di diabete o prediabete in gravidanza indica che la donna ha una predisposizione, genetica o metabolica, a sviluppare diabete di tipo 2 negli anni successivi.

La buona notizia è che dal prediabete si può “guarire” o, più precisamente, l’alterazione della glicemia che lo caratterizza può essere fatta regredire, ripristinando uno stato “normoglicemico”, grazie a una dieta a ridotto apporto di carboidrati e bilanciata dal punto vista calorico, all’aumento dell’attività fisica, alla riduzione del peso corporeo in eccesso e, se necessarie e indicate dal medico, ad alcune terapie farmacologiche. Scopriamo insieme come riconoscere il prediabete e che cosa fare per affrontarlo.

Sintomi e cause del prediabete

In base alle stime epidemiologiche, circa una persona su tre dell’intera popolazione americana adulta si trova in uno stato di prediabete, ma più dell’80% non ne è consapevole. I sintomi del prediabete sono infatti spesso assenti o così modesti da venire del tutto trascurati da chi ne è interessato, rendendo difficile sospettare la presenza di questa condizione a meno di non ricercarla attivamente con test diagnostici mirati, che possono essere prescritti in presenza di sintomi tipici dell’iperglicemia o indicativi di una possibile comparsa di diabete di tipo 2, come per esempio:

  • aumento della sete
  • frequente bisogno di urinare
  • aumento della fame
  • stanchezza non giustificata/fatigue
  • visione offuscata
  • formicolii a mani e piedi
  • infezioni frequenti (specie, infezioni fungine)
  • rallentata guarigione delle ferite
  • involontaria perdita di peso.

Soltanto in alcuni casi, il prediabete può essere segnalato dalla comparsa di sintomi sulla pelle, in particolare dalla presenza di aree di cute più scura in alcune parti del corpo, come il collo, le ascelle e la zona inguinale.

Ma quali sono le cause all’origine del prediabete? Al momento, a questa domanda si può rispondere soltanto in parte. La predisposizione genetica e la storia familiare giocano sicuramente un ruolo importante, ma che resta da precisare nei dettagli. Ciò che è chiaro è che le persone in uno stato di prediabete non sono in grado di utilizzare il glucosio presente nel sangue in modo efficiente per ragioni analoghe a quelle tipiche del diabete di tipo 2, ossia a causa di un’inefficiente produzione di insulina da parte del pancreas combinata con una ridotta capacità di usare l’insulina da parte delle cellule d’organismo (insulino-resistenza periferica). Il risultato è che il glucosio resta nel sangue in una quantità superiore al normale e fa aumentare la glicemia.

Ben noti e verificati sono, invece, i fattori di rischio che aumentano la probabilità di sviluppare prediabete, ossia:

  • sovrappeso/obesità, soprattutto se la massa grassa si concentra a livello addominale (obesità viscerale)
  • girovita eccessivo, generalmente correlato alla gravità dell’insulino-resistenza
  • dieta inadeguata, troppo ricca di zuccheri semplici, bibite zuccherate, carni rosse e alimenti processati (tutti cibi da evitare o consumare in piccole quantità)
  • sedentarietà/scarsa attività fisica
  • età superiore a 35 anni (anche se il prediabete può svilupparsi a ogni età)
  • storia familiare di iperglicemia o diabete di tipo 2
  • etnia africana o afroamericana, ispanica, latino-americana, asiatica e nativi americani
  • storia di diabete gestazionale o sindrome dell’ovaio policistico (nella donna)
  • presenza di disturbi del sonno, come la sindrome delle apnee ostruttive (peraltro, più frequente tra persone in sovrappeso/obese)
  • fumo di sigaretta. 

Questi stessi fattori di rischio aumentano la probabilità di sviluppare anche una sindrome “prediabetica” più complessa, indicata come “sindrome metabolica”, che consiste nella combinazione di almeno tre elementi sfavorevoli per la salute cardiovascolare tra: iperglicemia/prediabete; ipertensione; bassi livelli nel sangue di colesterolo “buono” o HDL (High Density Lipoproteins cholesterol); elevati livelli nel sangue di trigliceridi; girovita eccessivo.

Come identificareil prediabete

In base ai criteri diagnostici delle linee guida dell’American Diabetes Association (ADA) 2022, sovrapponibili a quelli degli Annali dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) del 2018, l’identificazionedel prediabete si basa sulla valutazione della glicemia, della tolleranza al glucosio e/o dei livelli di emoglobina glicosilata (in sigla, HbA1c), generalmente misurate in soggetti considerati a rischio di sviluppare diabete di tipo 2 (in particolare, in tutti i casi sovrappeso/obesità e nelle donne con storia di diabete gestazionale) e/o a partire dai 35 anni.

Tutti questi test per la diagnosi predittiva o per la diagnosi differenziale di prediabete possono essere effettuati attraverso un semplice esame del sangue, dopo un comune prelievo.

Il test della glicemia a digiuno è quello più semplice ed eseguito più spesso. Per ottenere un risultato attendibile è richiesto un digiuno di almeno 8 ore prima dell’esame del sangue e, per comodità, viene generalmente effettuato al mattino prima della colazione. I livelli di glucosio nel sangue vengono espressi in milligrammi per decilitro (mg/dl) oppure come millimoli per litro (mmol/l) e i range di valori di glicemia in base ai quali si effettua la diagnosi sono i seguenti:

  • al di sotto di 100 mg/dl (5,6 mmol/l): normalità;
  • da 100 a 125 mg/dl (5,6-6,9 mmol/l): prediabete;
  • da 126 mg/dl (7,0 mmol/l) in su, riscontrato in due test separati: diabete.

Il test dell’HbA1c viene eseguito, non tanto per conoscere il livello della glicemia al momento dell’esame del sangue, ma per avere un’indicazione del livello medio di glucosio nel sangue presente nei 2-3 mesi precedenti (più è stato alto e maggiore sarà la quota di emoglobina glicosilata presente). In questo caso, non è indispensabile effettuare il prelievo a digiuno e i range di valori considerati sono:

  • al di sotto del 5,7%: normalità;
  • dal 5,7% al 6,4%: prediabete;
  • dal 6,5% in su, riscontrato in due test separati: diabete.

Il test di tolleranza orale al glucosio viene eseguito meno comunemente rispetto ai due già citati, tranne che in gravidanza, quando la determinazione dell’emoglobina glicosilata può fornire esiti imprecisi. Per effettuarlo, si deve arrivare in ambulatorio a digiuno da almeno 8 ore e si deve bere una soluzione contenente una quantità di glucosio predefinita (75 grammi). Dopo due ore viene eseguito un prelievo di sangue per misurare i livelli della glicemia. In questo caso, i range di valori considerati sono:

  • al di sotto di 140 mg/dl (7,8 mmol/l): normalità
  • da 140 a 199 mg/dl (7,8-11,0 mmol/l): probabile prediabete
  • da 200 mg/dl (11,1 mmol/l) in su: ridotta tolleranza al glucosio e probabile diabete.

Se i test diagnostici eseguiti indicano che è presente una condizione di prediabete, il medico fornirà consigli di stile di vita ed, eventualmente, una terapia farmacologica per contrastare l’iperglicemia riscontrata, pianificando poi nuovi controlli della glicemia almeno una volta all’anno, per rivalutare di volta in volta diagnosi e trattamento. In caso di esito normale, invece, gli stessi esami dovrebbero essere ripetuti ogni tre anni.

Si guarisce dal prediabete?

Innanzitutto, come anticipato, il prediabete non è di per sé una malattia, ma una condizione che aumenta la probabilità di sviluppare diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari acute e croniche. Pertanto, parlare di “come si cura” il prediabete non è del tutto appropriato. Indubbiamente, però, si tratta di una condizione “reversibile”, nel senso che le alterazioni dei livelli di zuccheri nel sangue riscontrate possono essere corrette e tenute sotto controllo.

Dal momento che il prediabete è fortemente legato allo stile di vita, l’approccio più efficace e privo di effetti collaterali per farlo regredire consiste nel modificare le proprie abitudini, scegliendo meglio che cosa mangiare, quanto e quando (preferibilmente, facendosi indicare un piano alimentare da un medico dietista o da un nutrizionista), riducendo la sedentarietà in favore di una maggiore attività fisica e intraprendendo programmi di allenamento regolari (meglio se su base personalizzata), specie se sono presenti sovrappeso/obesità e perdendo i chili di troppo in caso di sovrappeso.

Sul fronte della dieta gli alimenti da mangiare in via preferenziale sono sicuramente la verdura e la frutta fresche, piccole quantità di frutta secca (noci e mandorle, in particolare), cereali integrali (in dosi compatibili con le esigenze caloriche e di dimagrimento) e l’olio d’oliva (in quantità moderate e a crudo). Più in generale, vanno scelti cibi con basso contenuto di grassi e calorie e ricchi di fibre (che aiutano a rallentare l’assorbimento degli zuccheri e, quindi, il picco di glicemia dopo i pasti), variando il più possibile.

Dati preliminari indicano che, oltre alla dieta mediterranea, anche la dieta chetogenica e il digiuno intermittente potrebbero essere utili in caso di prediabete. Tuttavia, è sempre necessario rivolgersi a un nutrizionista per ricevere indicazioni personalizzate sul regime alimentare più adatto.

Se il prediabete viene individuato prima o durante la gestazione, è indispensabile che la dieta in gravidanza sia strutturata da un medico nutrizionista esperto, preferibilmente nel contesto di un ambulatorio dedicato alla cura del diabete gestazionale. Allo stesso modo, intensità e tipologia dell’attività fisica devono essere concordate con il ginecologo, in relazione alle caratteristiche individuali e alla fase della gravidanza o problematiche specifiche.

Reference

  1. Centers for Diseases Control and Prevention (CDC). What is Diabetes? https://www.cdc.gov/diabetes/basics/diabetes.html#print
  2. Mayo Clinic – Prediabetes. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/prediabetes/symptoms-causes/syc-20355278
  3. American Diabetes Association (ADA). Classification and Diagnosis of Diabetes: Standards of Medical Care in Diabetes—2022. Diabetes Care 2022;45(Suppl. 1):S17–S38
  4. Mayo Clinic – Type 2 diabetes. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/type-2-diabetes/symptoms-causes/syc-20351193
  5. Mayo Clinic – Gestational Diabetes. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/gestational-diabetes/symptoms-causes/syc-20355339
  6. Associazione Medici Diabetologi (AMD), Società Italiana di Diabetologia (SID). Standard Italiani per la Cura del Diabete mellito 2018. https://aemmedi.it/wp-content/uploads/2009/06/AMD-Standard-unico1.pdf
  7. Gardner CD et al. Effect of a ketogenic diet versus Mediterranean diet on glycated hemoglobin in individuals with prediabetes and type 2 diabetes mellitus: The interventional Keto-Med randomized crossover.trial. Am J Clin Nutr. 2022 Sep 2;116(3):640-652. doi: 10.1093/ajcn/nqac154.
  8. Tioluwani KO et al. Role of Intermittent Fasting in the Management of Prediabetes and Type 2 Diabetes Mellitus. Cureus. 2022 Sep; 14(9): e28800. doi: 10.7759/cureus.28800

Potrebbe interessarti

Come prevenire l’iperglicemia

Per funzionare correttamente, le cellule dell’organismo hanno bisogno di energia: la fonte principale è il…

Glicemia: test e valori

La glicemia è uno dei principali parametri clinici misurati per valutare se il metabolismo funziona…

Emoglobina glicata e prediabete

L'emoglobina è la proteina responsabile del colore rosso del sangue. È contenuta all'interno dei globuli…

Cosa fare in caso di iperglicemia

Per funzionare in modo corretto il nostro organismo ha bisogno delle giuste quantità di glucosio,…

Prediabete e sindrome metabolica

Il prediabete è una condizione molto comune nella popolazione generale, soprattutto negli individui in sovrappeso…

Prediabete: cos’è e quali sono le cause

Con il termine prediabete si indica comunemente una condizione in cui il livello degli zuccheri…

Come riconoscere il prediabete

Per definizione, il significato del termine “prediabete” corrisponde alla presenza di un’alterazione della concentrazione del…

Prediabete e peso corporeo

Si parla di prediabete quando la glicemia, cioè la concentrazione di glucosio nel sangue, è…

Prediabete: cos'è e come si manifesta

Si parla di prediabete quando i livelli di zucchero nel sangue sono più alti del…
Questo sito utilizza cookies tecnici necessari al suo funzionamento e analitici, anche di terze parti, anonimizzati per la realizzazione di analisi statistiche aggregate.
Per maggiori informazioni circa i cookie in funzione sul sito puoi consultare la nostra Cookie Policy.
OK

Informativa Privacy relativa al trattamento dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito “GDPR”)

Ai sensi dell’Art. 13 del GDPR, Italfarmaco S.p.A., in qualità di Titolare del Trattamento (di seguito anche “Titolare”) fornisce alcune informazioni relative al trattamento dei dati personali forniti tramite il form della pagina web CONTATTI del sito www.euglicemia.it

A. Categorie di dati personali e fonte dei dati

Verranno raccolti da Italfarmaco S.p.A. i seguenti dati personali: nome, cognome, e-mail ed altre informazioni rilevanti direttamente dal form disponibile sulla pagina web soprindicata.

B. Finalità del trattamento e base giuridica

I dati personali forniti verranno gestiti per finalità direttamente connesse e strumentali all’erogazione dei servizi/informazioni richieste.

La base giuridica che giustifica il trattamento dei dati personali è costituita dall’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dell’Interessato e/o dall’esecuzione di un contratto di cui l’Interessato è parte (art. 6, parag. (1), lett. (b) Reg. Ue 2016/679).

C. Modalità di trattamento ed Ambito di comunicazione dei dati personali

Il trattamento dei dati personali sarà svolto da personale autorizzato mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato con l’ausilio di strumenti manuali, informatici, e telematici atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.

I dati saranno resi accessibili solo a coloro che in ragione delle proprie mansioni siano stati espressamente incaricati ed istruiti al trattamento dei dati personali dal Titolare ai sensi dell’articolo 29 del GDPR.

I dati potranno essere trattati inoltre da società che svolgono per conto del titolare compiti di natura tecnica ed organizzativa a titolo esemplificativo e non esaustivo: società che si occupano della gestione e manutenzione tecnica del sito ovvero a soggetti terzi con cui il Titolare collabora per servizi di natura commerciale. Le summenzionate società sono state nominate dal Titolare quali responsabili esterni del trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 28 del GDPR.

L’elenco aggiornato dei responsabili del trattamento è disponibile, su richiesta, inviando una comunicazione ai contatti infra indicati.

Inoltre, in aggiunta ai predetti soggetti, i dati potranno essere comunicati, laddove richiesto o disposto dalla normativa vigente, alle competenti autorità di vigilanza e controllo, ad autorità fiscali ed altre autorità, nell’ambito delle proprie sfere di competenza. 

Per quanto concerne l’eventuale trasferimento dei dati verso Paesi extra-UE, tra cui Paesi che potrebbero non garantire il medesimo livello di tutela previsto dal GDPR applicabile, il Titolare rende noto che il trattamento avverrà comunque secondo una delle modalità consentite dal GDPR, quali ad esempio il tuo consenso, l’adozione di Clausole Standard approvate dalla Commissione Europea, la selezione di soggetti aderenti a programmi internazionali per la libera circolazione dei dati o operanti in Paesi considerati sicuri dalla Commissione Europea.

I dati non saranno diffusi.

D. Natura del conferimento

Il conferimento dei dati personali ha natura facoltativa. Tuttavia, il mancato conferimento, anche parziale, dei dati determinerà l’impossibilità per Italfarmaco S.p.A. di procedere all’erogazione dei servizi per i quali i dati sono richiesti.

E. Periodo di conservazione dei dati

I dati personali trattati verranno conservati il periodo di tempo necessario al conseguimento delle finalità per le quali sono stati raccolti e cancellati entro un mese da quando è stata evasa la richiesta (“principio di limitazione della conservazione”, art. 5 GDPR), fermo restando l’accertamento di eventuali responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito o ad altri siti ad esso connessi o collegati ed i casi di ottemperanza ad un obbligo di legge o ad un ordine di un’Autorità a ciò legittimata.

Al termine del periodo di conservazione, i dati personali saranno cancellati, distrutti o resi anonimi, fatti salvi gli eventuali termini di conservazione previsti dalla legge.

F. I Tuoi diritti

Ai sensi degli articoli da 15 a 22 del GDPR, hai diritto di ottenere dal titolare la rettifica, l’integrazione o la cancellazione (c.d. diritto all’oblio) dei tuoi dati personali; il diritto di ottenere la limitazione del trattamento e il diritto alla portabilità dei dati, il diritto di opposizione al trattamento dei dati personali, compresa la profilazione ed infine, il diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante. La lista completa dei diritti è reperibile al seguente link: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32016R0679

È possibile esercitare i diritti di cui agli articoli da 15 a 22 del GDPR e richiedere in qualsiasi momento informazioni sul trattamento dei dati personali effettuati da Italfarmaco S.p.A., nonché opporsi al trattamento nei casi prescritti dalla legge, rivolgendosi a:

Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)

infoprivacy.italy@italfarmacogroup.com

In caso vegano trattati dati per cui sia necessario il tuo consenso, hai diritto a revocare il consenso prestato in qualunque momento. Tale revoca potrà essere esercitata tramite i dati di contatto sottoindicati.

G. Titolare del trattamento e Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento è:

Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)

Il responsabile designato della protezione dei dati personali (RDP) ai sensi dell’art. 37 del GDPR di Italfarmaco S.p.A. è contattabile per qualsiasi domanda o richiesta scrivendo all’indirizzo e-mail infoprivacy.italy@italfarmacogroup.com o all’indirizzo:

Responsabile della protezione dei dati personali c/o Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)

Informativa Privacy relativa al trattamento dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito “GDPR”)

Ai sensi dell’Art. 13 del GDPR, Italfarmaco S.p.A., in qualità di Titolare del Trattamento (di seguito anche “Titolare”) fornisce alcune informazioni relative al trattamento dei dati personali forniti tramite il form della pagina web NEWSLETTER del sito www.prodefen.it

A. Categorie di dati personali e fonte dei dati

Verranno raccolti da Italfarmaco S.p.A. i seguenti dati personali: nome, cognome, e-mail.

B. Finalità del trattamento e base giuridica

I dati personali forniti verranno gestiti per finalità direttamente connesse e strumentali all’erogazione dei servizi/informazioni richieste (iscrizione alla newsletter con modalità di contatto automatizzate via email).

La base giuridica che giustifica il trattamento dei dati personali è costituita dall’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dell’Interessato e/o dall’esecuzione di un contratto di cui l’Interessato è parte (art. 6, parag. (1), lett. (b) Reg. Ue 2016/679).

C. Modalità di trattamento ed Ambito di comunicazione dei dati personali

Il trattamento dei dati personali sarà svolto da personale autorizzato mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato con l’ausilio di strumenti manuali, informatici, e telematici atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.

I dati saranno resi accessibili solo a coloro che in ragione delle proprie mansioni siano stati espressamente incaricati ed istruiti al trattamento dei dati personali dal Titolare ai sensi dell’articolo 29 del GDPR.

I dati potranno essere trattati inoltre da società che svolgono per conto del titolare compiti di natura tecnica ed organizzativa a titolo esemplificativo e non esaustivo: società che si occupano della gestione e manutenzione tecnica del sito ovvero a soggetti terzi con cui il Titolare collabora per servizi di natura commerciale. Le summenzionate società sono state nominate dal Titolare quali responsabili esterni del trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 28 del GDPR.

L’elenco aggiornato dei responsabili del trattamento è disponibile, su richiesta, inviando una comunicazione ai contatti infra indicati.

Inoltre, in aggiunta ai predetti soggetti, i dati potranno essere comunicati, laddove richiesto o disposto dalla normativa vigente, alle competenti autorità di vigilanza e controllo, ad autorità fiscali ed altre autorità, nell’ambito delle proprie sfere di competenza. 

Per quanto concerne l’eventuale trasferimento dei dati verso Paesi extra-UE, tra cui Paesi che potrebbero non garantire il medesimo livello di tutela previsto dal GDPR applicabile, il Titolare rende noto che il trattamento avverrà comunque secondo una delle modalità consentite dal GDPR, quali ad esempio il consenso, l’adozione di Clausole Standard approvate dalla Commissione Europea, la selezione di soggetti aderenti a programmi internazionali per la libera circolazione dei dati o operanti in Paesi considerati sicuri dalla Commissione Europea.

I dati non saranno diffusi.

D. Natura del conferimento

Il conferimento dei dati personali ha natura facoltativa. Tuttavia, il mancato conferimento, anche parziale, dei dati determinerà l’impossibilità per Italfarmaco S.p.A. di procedere all’erogazione dei servizi per i quali i dati sono richiesti.

E. Periodo di conservazione dei dati

I dati personali trattati verranno conservati per il tempo necessario a garantire il perseguimento della finalità soprindicata (iscrizione alla newsletter) e verranno comunque cancellati senza ingiustificato ritardo in caso di cancellazione al servizio di newsletter (“principio di limitazione della conservazione”, art. 5 GDPR), fermo restando l’accertamento di eventuali responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito o ad altri siti ad esso connessi o collegati ed i casi di ottemperanza ad un obbligo di legge o ad un ordine di un’Autorità a ciò legittimata.

Al termine del periodo di conservazione, i dati personali saranno cancellati, distrutti o resi anonimi, fatti salvi gli eventuali termini di conservazione previsti dalla legge.

F. I Tuoi diritti

Ai sensi degli articoli da 15 a 22 del GDPR, hai diritto di ottenere dal titolare la rettifica, l’integrazione o la cancellazione (c.d. diritto all’oblio) dei tuoi dati personali; il diritto di ottenere la limitazione del trattamento e il diritto alla portabilità dei dati, il diritto di opposizione al trattamento dei dati personali, compresa la profilazione ed infine, il diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante. La lista completa dei diritti è reperibile al seguente link: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32016R0679

È possibile esercitare i diritti di cui agli articoli da 15 a 22 del GDPR e richiedere in qualsiasi momento informazioni sul trattamento dei dati personali effettuati da Italfarmaco S.p.A., nonché opporsi al trattamento nei casi prescritti dalla legge, rivolgendosi a:

Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)

infoprivacy.italy@italfarmacogroup.com

In caso vegano trattati dati per cui sia necessario il tuo consenso, hai diritto a revocare il consenso prestato in qualunque momento. Tale revoca potrà essere esercitata tramite i dati di contatto sottoindicati.

G. Titolare del trattamento e Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento è:

Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)

Il responsabile designato della protezione dei dati personali (RDP) ai sensi dell’art. 37 del GDPR di Italfarmaco S.p.A. è contattabile per qualsiasi domanda o richiesta scrivendo all’indirizzo e-mail infoprivacy.italy@italfarmacogroup.com o all’indirizzo:

Responsabile della protezione dei dati personali c/o Italfarmaco S.p.A.

Via dei Lavoratori, 54

20092 Cinisello Balsamo (MI)